Sincerità per sincerità

Lo so, dovrei essere più rigoroso.
Dovrei studiare con metodo e a domanda porre risposta.
Dovrei essere ligio al dovere e studiare ingegneria.
Dovrei lasciar perdere la storia di avermi fottuto un esame per mera burocrazia.
Lo so… dovrei mettermi lì e basta, quel che è stato è stato.

…si però non puoi rompermi i coglioni e farmi due domande teoriche del cazzo dove se sbagli una merda di indice ti sei fottuto la domanda e il compito. Non puoi chiedermi un sistema a tempo continuo con soluzioni complesse coniugate. Si perchè, non è sto gran difficile, ma se su 30 esercizi ne vedi uno così, non ti poni tanto il problema che all’esame ti esca fuori. E io il sangue freddo di rielaborare tutto, dopo che il sangue si è coagulato a bestemmie pensando alle matrici che ho cagato per fare gli homeworks e compitini e perdere poi l’esame, non ce l’ho.

Ma va cagare te, la definizione locale di sistema dalla quale derivare quella globale, la convoluzione e il suo essere prodotto di frequenza. Con le dimostrazioni del caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *