“Dimebag” Darrell Abbott
(August 20, 1966 – December 8, 2004)

Rest in peace man! Stavo tornando a Padova. Saranno state le 23.
Avrei dovuto essere preoccupato per l’esame, ma dato che è già tutto posticipato nei miei piani, non ero così teso. Anzi ero sollevato dal fatto che avevo messo a fuoco delle mie carenze per la materia del caso.
Decido che era ora di cambiare CD. All’altezza di Noale, dopo i Megadeth, mi capita un CD rovinato ai bordi, con scritto “Pantera”.
Non c’ho pensato nemmeno un secondo, tanto poteva essere solo quel disco.
Skippo i vari albums (evviva gli MP3, evviva i car stereo con gli MP3) e arrivo a lui.
“Vulgar display of power”: l’unico, il solo, il masterpiece. Questo disco va ascoltato di botto, non puoi scegliere una canzone. Lo ascolti tutto. Non puoi farne a meno. E’ inarrivabile.
Ascolto tutto gudurioso e a turno emulo le parti di chitarra, basso, batteria abbaiando anche “nnnnnnnnuuuuuuulaifffff!!!!” in “a New level”.
Poi penso.
Cazzo!!
Dime me l’hanno ammazzato. Ce l’hanno ammazzato.
Ma… era l’anno scorso. Era questo periodo.

Ed è lì che realizzo 2 cose:

  • ci sono arrivato con 3 giorni di ritardo
  • è il momento di commemorarlo con un post assolutamente

Dato che è un pò tardi, mi limito a questo piccolo reminder.

Il prossimo “Records of our life” sarà appunto “Vulgar display of power”. Lo sarebbe stato senz’altro, ma in questo periodo ha tutto un suo significato.

Rest in peace, man! You’re insane and you’re great.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *