Archivio mensile:luglio 2008

Ap-ponti di viaggio

Negli ultimi tempi ho avuto modo di girare abbastanza per l’Europa e diventare praticamente un cittadino di una città tedesca.
Come forse ho già fatto notare, in Germania vige la cultura televisiva dell’apprendimento: ti fanno vedere come si fanno le cose o come sono fatte, il perchè o il dove come quando di qualsiasi cosa.
Tolta la cospicua parte in cui macinano ogni elemento esistente in natura, prevalentemente maiali o formaggi, ho visto una marea di documentari a sfondo edilizio-urbanistico.

Non avete idea di cosa hanno fatto a Dubai per creare un’isola a forma di palma, con tutti gli studi annessi.

Non potete capire cosa sta dietro al collegamento un pò isola, un pò ponte tra la Danimarca e la Svezia, sebbene in Italia, grazie al Corriere.it, si viene a sapere solo che è servito ad aumentare la prostituzione in Danimarca.

Si viene pure a sapere che in Francia, grazie ai buontemponi ereditari del genio di Eiffel, hanno il viadotto più alto del mondo.


Viaggi per la Grecia e scopri che loro hanno il secondo ponte sospeso più lungo del mondo e primo in Europa vicino a Patrasso.

Corri in lungo e largo per la Svizzera e l’Austria facendo solo un cazzo di bollino e tutta la coda che non hai fatto prima la fai in Italia, dove ancora si elogia il Telepass (che è una cazzata utile solo alle autostrade che fanno credere che tu ci metti meno) quando tutti hanno un bancomat abilitato fastpay. Del resto è sempre bello scambiare qualche parola con i casellanti.

Tutti gli altri stati hanno soluzioni sia semplici, sia ultra moderne ed imponenti (ma soprattutto FUNZIONANTI).

Pensi, pensi e pensi.
Ti viene in mente che noi in Italia abbiamo questo.

Va dove ti porta il wireless

Come al mio solito in quel di Atene, mi ritrovo in bilico tra i tetti dei condomini, al fine di orientarmi ottimalmente alla ricezione di un buco libero di un wireless altrui. Devo dire che dall’ultimo Natale le cose sono migliorate e invece di salire delle ripide scale, posso stare seduto sul cesso e avere un gradiente molto alto del segnale necessario.

Torno quindi ora alla modalità digitale, dopo aver vissuto momenti marittimi e metropolitani che spiegherò in seguito.

Vedo che in Italia, mollando la presa dell’informazione per una settimana, si torna scoprendo un regime dittatoriale ancora più forte di prima.

Ma il problema non è mica il governo ormai… è chi li ha votati. Chi ci crede. Chi vuole l’ultimo colpo di coda di un sistema che ha scarnificato l’Italia. Chi si sente furbo e superiore. Chi non ha più un briciolo di orgoglio o dignità.

Tra le tette e un culo dell’alta informazione fatta su Corriere.it, cercate di leggere l’unica cosa decente e cioè questo:

http://laderiva.corriere.it/

Poi fatemi sapere se avete ancora un motivo non degno di pernacchia e peto, per volere centrali nucleari o qualsivoglia altra cazzata di questo governo. L’Italia è presa in giro da chiunque. A Scajola ormai non puoi più dirgli nemmeno demente, perchè tanto non si capisce più dove finisce la burla e dove inizia l’ignoranza o la completa perdita di senso logico delle cose.

E la prossima a passarci avanti sarà la Grecia, ve lo dico io!

E’ solo fottuto buon senso e l’Italia non ce l’ha più da 40 anni, da quanto si è creduta ricca e potente e invece stava solo vivendo di rendita da un passato oltraggiosamente e forse troppo florido per le capacità cognitive della massa.

Dalla Grecia con furore

Uscito dal periodo di clausura con un risultato per lo meno tranquillizzante, vi rendo noto che tutti coloro i quali si trovassero per caso in Grecia, tipo una trentina di chilometri più avanti di Corinto, verso fine Settembre a fare ferie, possono documentarsi in merito al matrimonio che ivi andrà a consumarsi (mio e di Konstantina, se non si fosse capito).

Dicevo, per chi quindi, non avesse notato il tab-link nella navigazione in alto del sito, andando a questo indirizzo

http://www.wannaplay.it/wed/

potrete avere le informazioni di cui avrete, se ne avrete, bisogno.

Ai primi 10 che commentano, pass ALL-AREAS per il concerto di “Helena Paparizou featuring Kalomoira” che stiamo organizzando.


“My secret combination is a mistery for yooouuuuuuu…. use your immagination, I’m not easy, but I’m trueeeee…”